CARTA D'IDENTITA'

Carta d'identità

La carta d’identità è un documento di riconoscimento.
Per i minori il “lasciapassare” non esiste più, il documento che identifica il minorenne è la carta d’identità.

Validità per l’estero

La carta d’identità permette di andare all’estero nei paesi dell’Unione Europea e in quelli che hanno stipulato con l’Italia appositi accordi.
Vi consigliamo comunque, prima di fare un viaggio all’estero, di informarvi in Comune o in Questura se la validità del documento per l’espatrio nel paese in cui dovete andare non sia stata temporaneamente sospesa, o se non si sia aggiunto un nuovo paese all’elenco.

Attenzione!
Avete fatto timbrare la vostra carta d’identità per prorogarne la validità di 5 anni e dovete andare all’estero?
Alcune frontiere rifiutano un documento d’identità rinnovato in questo modo, quindi il vostro documento potrebbe non essere utilizzabile per l’espatrio.
Prima di partire, quindi, informatevi in questura riguardo la validità del documento e se non viene considerato valido, venite all’ufficio Anagrafe per chiedere una nuova carta d’identità.

Per gli stranieri

I cittadini stranieri, regolarmente iscritti all’anagrafe, possono avere soltanto la carta d’identità non valida per l’espatrio perché, per recarsi all’estero, devono usare i documenti rilasciati dai rispettivi Stati d’origine.

Per i minori

I minorenni possono avere la carta di identità valida per l’espatrio solo con il consenso di entrambi i genitori o di chi esercita la potestà genitoriale.
I genitori (con il proprio documento di riconoscimento) e il minore devono andare agli sportelli dell’ufficio Anagrafe portando con sé 3 fotografie formato tessera del bambino.

Attenzione! Un genitore deve obbligatoriamente accompagnare il minore. Non è possibile delegare nonni, fratelli o altri parenti.

Se avete figli minori

I maggiorenni con figli minori possono avere la carta di identità valida per l’espatrio solo con il consenso dell'altro genitore o di chi esercita la potestà genitoriale. (Scarica l'allegato)

La carta d’identità rilasciata ai minori di 3 anni vale 3 anni.

La carta d’identità rilasciata ai minori tra i 3 e i 18 anni vale 5 anni.

Il minore di quattordici anni, deve viaggiare con uno dei genitori o di chi ne fa le veci.
Per andare all’estero è necessario che nel documento siano scritti i nomi dei genitori o di chi ne fa le veci, se non ci sono recatevi in anagrafe per rifare la carta d’identità.
Per viaggiare solo in Italia non è necessario rifare il documento, basta munirsi di un certificato di nascita con i nomi di chi esercita la potestà genitoriale.
La carta d’identità viene rilasciata anche ai cittadini minorenni stranieri che hanno passaporto e permesso di soggiorno.

Carta d’identità per chi non è residente a Coccaglio

Se non risiedi a Coccaglio, puoi richiedere la carta d’identità nel nostro comune solo se non puoi andare nel tuo comune di residenza per motivi gravi, dimostrabili e documentati.

Scadenza

Tutte le carte rilasciate o rinnovate dopo il 10 febbraio 2012 valgono 10 anni più i giorni che mancano per arrivare alla data di nascita del titolare.

Esempio: il mio compleanno è il 29 ottobre, mi rilasciano la carta d’identità il 23 febbraio 2012, la carta non scade il 23 febbraio 2022 ma è valida fino al 29 ottobre 2022.

Le carte d’identità emesse prima del decreto semplificazione del 10 febbraio 2012, invece, sono valide:

- 5 anni esatti, se sono state emesse prima del decreto del 25 giugno 2008, che ha "allungato" la validità delle carte d’identità (Esempio: una carta d’identità emessa il 2 settembre 2007 scade 2 settembre 2012)

- 10 anni esatti, se sono state emesse dopo il decreto del 25 giugno 2008 (Esempio: un documento d’identità emesso il 10 ottobre 2008 scade il 10 ottobre 2018).

E’ possibile rinnovare la carta d’identità anche sei mesi prima della scadenza (art. 2/10 della legge 127/97).

Come farla

La carta di identità viene rilasciata dall’ufficio Anagrafe.  E’ necessario portare 3 fotografie formato tessera frontali, uguali e recenti, con sfondo bianco e a capo scoperto.

• I cittadini che appartengono a Paesi esterni alla comunità europea devono presentare il passaporto e il permesso di soggiorno valido.

• Per il rinnovo è necessario presentare la carta di identità scaduta e tre fotografie formato tessera, uguali, recenti, con sfondo bianco, diverse dalle precedenti e senza copricapo. È possibile rinnovare la carta d’identità anche nei 6 mesi prima della data di scadenza.
Per le “vecchie carte”, che hanno validità 5 anni, con scadenza successiva al 25 giugno 2008, è possibile mettere un timbro di proroga di ulteriori 5 anni. Le carte devono comunque essere in buono stato; quelle usurate o rotte non potranno essere prorogate e dovranno essere rinnovate.

• In caso di furto o di smarrimento della carta, è necessario fare immediatamente denuncia alla Polizia di Stato, ai Carabinieri o alla Polizia Locale. La denuncia in originale va portata allo sportello Anagrafe per fare la nuova carta d’identità.
n.b. Non è possibile autocertificare lo smarrimento o il furto della carta d’identità.

• In caso di deterioramento della carta d’identità, è necessario riconsegnare il documento deteriorato o quello che ne rimane, purché permetta il riconoscimento della persona (fotografia integra o numero completo carta identità).
Bisogna portare 3 fotografie formato tessera, uguali, recenti, diverse dalle precedenti, con sfondo bianco e a capo scoperto.

Quanto costa

€   5,16  per il rilascio o il rinnovo della carta d’identità.
€ 10,33  per il duplicato di una carta d’identità smarrita, rubata o deteriorata.

Attenzione! Controllate sempre i dati personali comunicati nel modulo. Ogni modifica o correzione successiva alla consegna sarà considerata come richiesta di duplicato e soggetta al pagamento di 10,33 €.

Donazione di organi e tessuti. Una scelta in Comune

Esprimere il consenso o il diniego sulla donazione di organi e tessuti diventa più facile: da settembre puoi farlo in Comune!

Se sei residente a Coccaglio e sei maggiorenne, puoi dare il consenso o il diniego (cioè dire che sei contrario) quando fai o rinnovi la carta d’identità in anagrafe.

Cosa

Dare in vita il consenso o il diniego alla donazione degli organi e dei tessuti è una scelta consapevole, non un obbligo.

La legge garantisce la libertà di scelta sulla donazione: puoi dare il consenso o il diniego ed essere certo che la tua volontà sarà rispettata. Ricorda che puoi modificare in qualsiasi momento la decisione che hai preso. 

In ogni caso non esiste il silenzio assenso.

Come

Puoi decidere se vuoi o meno donare gli organi quando vieni in Anagrafe a fare la carta d’identità. Completa il modulo che puoi scaricare da questa pagina o ritirare allo sportello, indicando la tua volontà, firmalo e riconsegnalo all’operatore dell’anagrafe. Avrai una ricevuta. 

Trasmettiamo subito la tua decisione al Sistema Informativo Trapianti, la banca dati del Ministero della Salute che raccoglie tutte le dichiarazioni fatte dai cittadini, consultabile 24 ore su 24 in modo sicuro dai medici del coordinamento.

Chi

Tutti i cittadini maggiorenni possono fare la loro dichiarazione, non c’è limite di età.

Se cambio idea posso venire in comune a modificare la mia volontà?
Si, ma solo al prossimo rinnovo della carta d’identità.
Per modificare subito la tua decisione vai all’ASL.

Che scelta ho?
• posso dire sì, voglio donare: in questo caso i tuoi organi e tessuti saranno donati dopo la morte.
• posso dire no, non voglio donare: in questo caso non ci sarà donazione né di organi né di tessuti.
Se non mi esprimo la donazione è consentita solo se i familiari aventi diritto (il coniuge non separato, il convivente more uxorio, i figli maggiorenni, i genitori) non si oppongono.

Sono un cittadino iscritto all’Aire (anagrafe italiani residenti all’estero), cosa posso fare?
Anche tu puoi fare la tua dichiarazione quando fai o rinnovi la carta d’identità in Comune.

Ci sono altri modi per dare il consenso o il diniego?
Si, ecco cosa puoi fare:
• vai all’Asl o in una sede AIDO e fai lì la dichiarazione.

Allegati

Atto di assenso tra genitori

Note: Scarica l'allegato

Ultima modifica: Mer, 22/02/2017 - 15:58