CONVENZIONE CON IL TRIBUNALE PER LO SVOLGIMENTO DEL LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

CONVENZIONE CON IL TRIBUNALE PER LO SVOLGIMENTO DEL LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

Il COMUNE DI COCCAGLIO, ha sottoscritto una convenzione con il Tribunale di Brescia ai sensi dell’art. 2 comma 1 del Decreto Ministeriale  26 Marzo 2001, emanato a norma dell’art.54 del D.Lgvo 285/1992.

La Convenzione consente che il soggetto condannato alla pena del lavoro di pubblica utilità, presti servizio  presso l’ente “COMUNE DI COCCAGLIO”.

E’ prevista la presenza contemporanea di max 3 soggetti.

 

 

In cosa consiste il lavoro di pubblica utilità

Consistente nella prestazione di un’attività non retribuita a favore della collettività da svolgere, in via prioritaria, nel campo ambientale, sociale, sicurezza e dell’educazione stradale presso lo Stato, le regioni, le province, i comuni o presso enti o organizzazioni di assistenza sociale e di volontariato, nonché nella partecipazione ad un programma terapeutica e socio-riabilitativo del soggetto tossicodipendente, con notevoli benefici per il condannato come effetto dello svolgimento positivo del lavoro di pubblica utilità.

 

Cosa fare

Il cittadino può contattare i referenti indicati in calce, prima dell'udienza che formalizzerà la pena alternativa.

Dopo un colloquio preliminare se scaturirà un parere favorevole, il/la responsabile del progetto del Comune rilascerà all'interessato/a una lettera in cui si specificherà la disponibilità del servizio a far svolgere il lavoro di pubblica utilità.

Se durante il colloquio emergano fatti o circostanze incompatibili con l'inserimento lavorativo oppure se il cittadino risulta non idoneo a svolgere le attività richieste il Comune si riserva la facoltà di non accogliere la domanda di svolgimento del lavoro di pubblica utilità presso il proprio Ente.

Il Comune di Coccaglio consente l'inserimento fino a massimo 3 persone contemporaneamente.

 

Attività da svolgere

  • Lavori di pulizia e manutenzione di strade e parchi;
  • Assistenza a manifestazioni;
  • Lavori di emergenza o solidarietà
  • Assistenza e sorveglianza scuolabus
  • Attraversamenti stradali
  • Distribuzione materiali informativi
  • Tutela del patrimonio culturale presso la biblioteca:
  • prima informazione agli utenti sui servizi erogati e sulla dislocazione del patrimonio librario e multimediale;
  • lavori di etichettatura libri;
  • ricollocazione dei libri e materiali multimediali rientrati dal prestito; 
  • controllo dell’ordine alfanumerico dei libri sugli scaffali.

 

Articolazione dell’orario di lavoro e dei giorni lavorativi per settimana

L’Articolazione dell’orario verrà stabilita con il responsabile del progetto.

Le disponibilità devono essere comunicate almeno una settimana prima, le eventuali assenze almeno tre giorni prima.

Secondo quanto previsto dalla legge, le persone svolgeranno un’attività in favore della collettività senza ricevere alcun tipo di retribuzione, fatta eccezione per l’assicurazione contro gli infortuni e le malattie professionali che è obbligatoria e a carico dell’ente ospitante.

La Convenzione avrà una durata di 1 anno, con la possibilità di un tacito rinnovo per i successivi tre.

 

Dove rivolgersi

Le richieste di inserimento all’interno dei servizi del Comune dovranno essere presentate all’AREA AFFARI GENERALI Settore personale del Comune di Coccaglio  scrivendo all’indirizzo segreteria@comune.coccaglio.bs.it o all’indirizzo protocollo@pec.comune.coccaglio.bs.it .

 

IL FUNZIONARIO DI RIFERIMENTO è

Rag. Lara Cola

Responsabile Area Affari Generali

tel. 0307725724

 

Data: 27/11/2018 Ultima modifica: Mar, 27/11/2018 - 11:58